Dow Jones

Il Dow Jones è storicamente uno degli indici più importanti della borsa americana. Uno di quelli che con maggiore interesse erano guardati da investitori grandi e piccoli, anche se soprattutto nel passato.

Nella guida che ti stiamo per offrire troverai un approfondimento completo su quello che vuol dire investire nel Dow Jones, perché appunto ci occuperemo di andare a conoscere ogni tipo di aspetto rilevante di questo indice.

Non senza presentarti i broker migliori che ti permettono di investire su questo specifico mercato.

Come il sempreverde eToro, broker che offre anche una demo gratis, broker di grandissimo prestigio che è sicuramente uno dei migliori ad offrire investimenti di livello di questo indice.

Ti stiamo per offrire dunque una guida che sarà sia operativa sia di carattere generale, perché le informazioni che anche non possono essere utilizzate direttamente in trading possono aiutare a comporre una strategia efficace.

[FOTO]

Sempre con il faro dei migliori broker in circolazione che ti permettono di investire sia sugli indici del Dow Jones in modo secco, sia che ti permettono di fare trading sulle azioni che li compongono.

Come anche Trade.com (qui per una demo gratis per testarlo da subito), altro broker di eccellente qualità per questo tipo di indice.

Investire in indici può essere smart, ma fallo sempre con l’intermediario giusto

Investire in indici è una delle modalità di impiego del capitale che più spesso consigliamo ai nostri lettori. Questo non vuole assolutamente dire però che dovremo accontentarci del primo che capita.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Anche per gli investimenti in indici il modo migliore di procedere è di andare ad investire tenendo bene a mente quello che possono offrire i migliori broker del settore, broker che abbiamo elencato proprio nella tabella di cui sopra.

Sono tutti broker che offrono:

  • Una licenza europea per il trading: ovvero una licenza che garantisce la presenza di controlli e che permette al tempo stesso di andare ad investire con tutte le garanzie UE per i risparmiatori;
  • Piattaforme di livello: che ti mettono subito in pari con i grandi investitori almeno per quanto riguarda la questione degli strumenti;
  • Mercati accessibili: tutti i broker che abbiamo elencato poco sopra sono broker che permettono di investire sui migliori mercati, incluso quello americano del Dow Jones.

Sono broker sui quali puntiamo anche noi e sui quali siamo ben disposti a metterci la proverbiale faccia. Proprio perché siamo davanti a broker di eccellente qualità e che abbiamo anche utilizzato per le nostre operazioni personali.

Scopri di più sui segnali trading di Capital.com (la prova del servizio è gratis).

La storia del Dow Jones

Come ti avevamo promesso, non ci saremmo occupati soltanto di questioni tecniche che riguardano questo indice.

E infatti partiamo proprio dalla sua storia. Siamo davanti ad un broker che infatti permette di investire su un gran numero di asset e che è uno degli indici più antichi del mondo.

Senza voler passare per filoamericani a tutti i costi, siamo costretti comunque a rimarcare che il mondo moderno del trading e degli stock exchange è nato proprio in quel paese e che quello che abbiamo oggi dalle nostre parti, spesso, ne è una pallidissima imitazione.

Il Dow Jones Industrial Average è nato nel 1896, proprio ad opera di Dow e Jones, rispettivamente un investitore e un matematico statistico.

Dobbiamo sicuramente considerare il fatto che il Dow oggi non è considerato più un indice molto rappresentativo della borsa americana, perché rappresenta sì le 30 aziende meglio capitalizzate degli Stati Uniti, ma non utilizza una media ponderata per il loro peso

A fare la differenza per l’andamento dell’indice sono i prezzi delle azioni modificate secondo un complicato calcolo che include anche i dividendi. Per farla breve, se cerchi un indice che sia completamente rappresentativo dell’andamento della borsa USA, dovresti sicuramente guardare altrove.

Ma se molti broker di qualità come Capital.com (qui per una demo gratis) continuano ad offrire la possibilità di fare trading su questo specifico indice deve pur esserci un motivo.

Dopotutto sono ancora moltissimi coloro i quali continuano ad investire proprio su questo indice per altri motivo che andremo ad analizzare più tardi.

Il Dow negli anni si è modificato moltissimo negli anni e non rappresenta più, neanche alla lontana, un industrial average. Anzi, le componenti dell’indice hanno quasi tutte molto poco a che fare con il mondo industriale.

Ma di questo non dovremo assolutamente interessarci. Perché siamo comunque davanti ad un indice che continua ad avere delle caratteristiche molto peculiari e soprattutto ad attirare a se moltissimi investitori.

Se vuoi testare da subito cosa può voler dire fare trading sul Dow Jones ti consigliamo di farlo ora con un conto demo come quello di IQ Option, un altro broker di grandissima qualità che:

  • Offre 10.000 euro di capitale virtuale per chiunque apra una demo;
  • Offre conti reali a partire da 10 euro, permettendo a tutti, anche a chi non vuole rischiare molto, di investire sul serio;
  • Ti permette di investire anche con 1 euro per ordine: il che vuol dire che avrai a disposizione diversificazione totale anche con poche centinaia di euro investite.

Quanti titoli compongono il Dow Jones?

Il Dow Jones raccoglie 30 componenti, che vengono selezionate per market cap, ovvero per capitalizzazione.

Nel momento in cui vi scriviamo i titoli meglio capitalizzati sono Microsoft e Apple, ma che comunque non sono quelli che incidono di più sull’indice, dato che come abbiamo detto poco sopra, il prezzo relativo è dovuto ad una combinazione del prezzo dell’azione e dei dividendi pagati.

Ad ogni modo chi decide di investire sul Dow Jones sta investendo a tutti gli effetti in un indice che rappresenta le 30 aziende più forti degli States, almeno per quanto riguarda le vicende relative al valore.

Un indice di grandissima qualità quantomeno per le sue componenti.

Vuoi testare subito quanto viene offerto dal Dow Jones? Apri qui un conto demo con eToro, un broker di elevatissima qualità che non solo ti permette di investire sull’indice Dow Jones, ma anche sulle azioni che lo compongono, sia in termini di CFD sia con l’acquisto diretto.

I titoli componenti del Dow Jones vengono aggiornati?

Assolutamente sì. E sono tantissime le aziende che sono entrate o uscite dall’indice.

Oggi ci sono aziende anche moderne e nate molto dopo la nascita di questo indice, come Microsoft, Apple, ma anche Nike, Intel, Visa, Mastercard, Walmart e Walgreens.

Puoi essere certo dunque di metterti nelle mani, se dovessi investirci, di un indice che rimane comunque costantemente aggiornato includendo a tempi record quelli che sono i titoli che rispondono ai requisiti fissati.

E ancora una volta scegliere di investire magari con una demo gratis come quella di Capital.com può farti capire nel concreto come si muove questo indice, uno di quelli, lo ripetiamo, che maggiormente interessa anche gli investitori professionisti.

Le azioni più importanti dell’indice Dow Jones

Come abbiamo detto già diverse volte, il Dow Jones è un indice che offre le 30 aziende meglio capitalizzate degli Stati Uniti, di tutte le sue borse indistintamente.

Ma quali sono i titoli più importanti secondo questo criterio?

  • Microsoft: l’azienda fondata da Bill Gates sta vivendo una seconda giovinezza, dopo essersi spostata in larghissima parte sui servizi online e su metodi di billing per i clienti molto più redditizi;
  • Apple: altro gigante dell’economia moderna, impegnato però più sull’hardware che sul software. Un’ottima scelta secondo moltissimi investitori pro;
  • Walt Disney Company: oggi non più leader del mercato dell’intrattenimento per bambini. Controlla un network editoriale e media che è il primo al mondo per incassi e per distribuzione;
  • Coca Cola: azienda leader mondiale nel settore bevande, anche questa distribuita in ogni singolo paese del mondo;
  • JPMorgan Chase: il titolo bancario più importante degli States e uno dei primissimi a livello mondiale;
  • ExxonMobil: tra i primissimi gruppi del settore energetico e petrolifero a livello mondiale, ancora più forte dopo la fusione, appunto, tra Exxon e Mobil.

Ricordati che con broker come eToro ti permettono di investire anche direttamente su queste azioni, quasi unici nel suo genere.

Perché i broker CFD sono la migliore soluzione per investire nel Dow Jones

Il Dow Jones è un indice che viene scambiato, con titoli in genere derivati, anche sulle piattaforme bancarie, essendo uno di quelli più famosi a livello mondiale.

Noi comunque riteniamo che sia meglio muoversi con i broker CFD, broker che permettono di accedere a tutta una serie di vantaggi che riteniamo incommensurabili, almeno se paragonati a quelli che sono i servizi e le condizioni offerte dalle banche.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Nota importante a margine: Tutti i broker che abbiamo indicato ti offrono condizioni eccellenti, che andremo comunque ad analizzare più a fondo tra pochissimo.

Le piattaforme che vedi citate nel corso di questa guida, infatti, permettono tutte il trading delle azioni di questo indice.

I broker CFD sono molto più semplici da usare

I broker CFD sono nati appunto per permettere un accesso più democratico ai mercati e per offrire a tutti la possibilità di investire sui migliori titoli.

E questo, oltre che a soglie di investimento minime basse, prevede la possibilità di utilizzare delle piattaforme di grandissima qualità e semplici da utilizzare. Una prova? IQ Option è un broker di qualità e semplice da usare (anche in demo), uno di quelli maggiormente utilizzati proprio da chi comincia a fare trading.

I broker CFD offrono piattaforme anche professionali

Avere dei ritorni nel mondo del mercato del trading dipende anche dalla possibilità che abbiamo di investire con gli strumenti giusti.

E anche in questo i broker CFD possono offrirti il meglio.

Ci sono broker che offrono piattaforme web di qualità, come fa eToro (qui per testare la sua demo) e broker che invece permettono di accedere a piattaforme ancora più professionali.

Come fa anche Capital.com con la sua offerta di MetaTrader, altro broker di eccellente qualità che non si risparmia quando c’è da offrire ai clienti la possibilità di accedere a piattaforme di livello.

I broker CFD offrono anche vendita allo scoperto

Quello che ci interessa sottolineare in chiusura è che gli indici azionari come Dow Jones sono appunto indici che possono attraversare anche momenti complicati.

E che questi momenti complicati possono essere affrontati puntando comunque al profitto.

Come fare? Semplice. Con la vendita allo scoperto, che ti permette di puntare sul ribasso di un indice o di altri titoli con un solo click.

Puoi testarla anche qui con la demo di Trade.com (è gratuita).

Conclusioni e opinioni finali sul Dow Jones

Non vogliamo consigliarti o meno di investire su questo indice, perché non è nelle nostre corde.

Abbiamo infatti preferito fornirti quelli che sono gli strumenti più giusti per avere a disposizione una base per capire come funziona il Dow Jones.

E poi per decidere in assoluta, completa e totale autonomia. Perché non c’è davvero niente e nessuno che può prendersi cura del tuo capitale meglio di come faresti tu.

Approfondisci questa guida e scegli poi se sarà il caso di investire sul Dow Jones.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *