Quanto costa investire in borsa ?

Qual è un errore comune alla maggior parte dei traders? In effetti ce ne sarebbe più di uno, ma quello che sembra essere il più comune in assoluto riguarda di sicuro il concentrarsi sul denaro senza riuscire a vedere tutto il resto che circonda l’attività di un vero trader di borsa.

Quello che bisognerebbe capire è che talvolta non paga concentrarsi soltanto sulle potenzialità di profitto degli investimenti in borsa ma allargando il discorso sarebbe necessario concentrarsi anche e soprattutto su altri fattori importanti come i costi di questa attività di cui vogliamo parlare nel prosieguo di questo elaborato.

Se il primo obiettivo di un trader dunque deve essere quello di risparmiare sui costi del trading, grande importanza assumerà la scelta del proprio broker di fiducia perché in base a questa si può capire a quanto ammontano le uscite almeno orientativamente.

Non tutti i broker infatti impongono gli stessi costi del trading, anzi, vi sono dei broker che non chiedono proprio nulla ai loro traders, cosa vuol dire? Che questi ultimi siamo più convenienti degli altri?

Prima di andare avanti, scopri in anteprima quali sono i brokers che consigliamo su Investireinborsa.org !

Beh, no questo è tutto da dimostrare ma per fare chiarezza su questi aspetti e molti altri ancora ci serve ampliare a dovere il discorso come intendiamo fare nel prosieguo di questo elaborato, tutto dedicato ai costi del trading di borsa.

I costi del trading non vanno sottovalutati e di essi bisogna sempre tenere conto. Sul momento certo essi non contano molto e sembra che siano del tutto sostenibili, certo è così, specialmente perché questi non ti vengono richiesti tutti e subito, ma vengono spalmati su più operazioni di trading e quindi il trader senza accorgersene subisce questa uscita e con l’andare del tempo potrebbe esserne piuttosto danneggiato, a meno che non si faccia riferimento ad un provider molto conveniente come quelli che ti proporremo nel corso del nostro articolo.

Un esempio è dettato proprio 24option con il suo kit professionale per iniziare.

Parliamo di broker che abbiamo testato e che fanno risparmiare moltissimo e ti fanno proprio dimenticare che nel trading vi siano costi da sostenere in modo tale che tu possa realmente concentrarti solo sui profitti.

Quanto costa fare trading di borsa?

Diciamo subito che tutto dipende dalla metodologia di investimento che scegli di adottare. Vi sono delle strade da percorrere che non ti richiedono nemmeno un centesimo per le tue operazioni di investimento, mentre poi ci sono soluzioni per investire in borsa molto più costose.

Diciamo subito però che chi sceglie di investire online parte da un punto di vantaggio evidente ed indiscutibile. Chiunque oggi decida di investire in rete infatti non è più soggetto ai costi ed alle problematiche tipiche del trading classico quello fatto nella borsa del mondo reale, dove dovevi affidare i soldi ad istituti bancari o a broker in carne ed ossa che per gestirli ti chiedevano parcelle pesantissime e ti oberavano di costi inutili che oggi sono stati eliminati dai broker online.

Costo per investire in borsa IMG by ©Investireinborsa.org

Quanto costa Investire in Borsa ?

Questa è una delle ragioni alla base del moderno successo del trading online. In pratica grazie all’abbattimento dei costi di gestione e molti altri aspetti vantaggiosi ulteriori, oggi questo si propone come la metodologia di investimento più conveniente e meno costosa mai vista.

I profitti che si possono ottenere facendo trading online non hanno nulla da invidiare a quelli che in passato si facevano investendo in modo tradizionale, anzi se possibile oggi si può guadagnare addirittura di più rispetto al passato, anche se molto dipende dalle capacità del trader e dal capitale a sua disposizione.

Prima bisognava pagare gli altri per investire oggi puoi fare da te comodamente seduto dalla poltrona di casa tua, come un vero professionista attraverso le piattaforme di trading online.

Le possibilità che hai a portata di mano sono 2: o scegli di investire in social trading ( il migliore servizio è quello di eToro – clicca quì ) oppure puoi affidarti ai contratti per differenza ovvero il sistema famoso dei CFD.

Vai quì per scoprire in anteprima il servizio del broker 24option, consigliato per trading CFD.

Costi del trading online in CFD

Il discorso cambia nel caso dei CFD. I costi previsti per questi sistemi di investimento ci sono anche se sono contenuti e piuttosto trascurabili. Per commissioni si intendono quei compensi per il servizio ricevuto da corrispondere al broker.

Le spese previste dai broker che operano online però non sono minimamente paragonabili a quelle che vengono imposte dalla borsa e dai broker reali al di fuori di internet. Veri costi di commissione non esistono neanche nel sistema dei CFD, ovvero non ti viene richiesto denaro per aprire e chiudere le operazioni, ma soltanto per restare a mercato.

In particolare i broker ti chiedono di corrispondere dei costi di Spread.

I providers di trading di borsa online non chiedono quindi costi di commissione elevati, ma ricavano i loro profitti chiedendo uno spread, ora vogliamo spiegarti in che cosa consiste questo costo e perché resta sempre molto conveniente a fronte dei guadagni che ti permette di ottenere.

La definizione di spread consiste nel differenziale tra il prezzo Bid ed il prezzo Ask ad esempio di una coppia di valute del Forex che tu intendi scambiare.

I broker non ti chiedono di versare i costi, ma semplicemente aggiungono in maniera automatica alle tue operazioni questi piccoli costi al fine di far fronte ai costi di gestione ed anche ottenere un piccolo ricavo per se, il che è anche lecito considerando che i dipendenti del broker e tutto l’indotto non sono certi intenzionati a fare beneficenza, ma hanno diritto a vedere i frutti del loro lavoro.

Uno dei brokers più onesti anche sotto questo punto di vista è questo quì ( Markets.com ).

Questo costo equivale a pochi centesimi e viene addebitato una sola volta per operazione.

Per effettuare i calcoli sui costi di spread inoltre vi sono molti modi a disposizione. Noi ti consigliamo di recarti sul sito di un qualsiasi broker al fine di consultare la tabella che contiene i prezzi di Bid ed Ask in bella vista in modo tale che tu possa valutare lo spread per tutte le coppie di valute più importanti dei mercati.

Come potrai notare le coppie più importanti hanno dei costi di spread più bassi rispetto alle altre e quindi sono convenienti per investire, in ogni caso lo spread non supera mai i 10 pips ed inoltre parte sempre da un minimo di 2 pips per le coppie più importanti come l’Euro/Dollaro.

Cosa sono i Pips tramite i quali si calcola lo spread?

Viene misurato in Pips il più piccolo cambiamento possibile nel valore di una coppia di valute. Ma perchè quindi i Pips sono così importanti per il Forex trading? Perchè tramite essi si vanno a quantificare sia i profitti sia le perdite in un determinato investimento ed i costi di spread.

Un pip ha un valore differente per ogni coppia di valute ma è possibile ottenere il valore di un pip tramite semplici calcoli matematici. Inoltre anche i broker per il trading online di CFD ti richiedono di sostenere dei piccoli costi al fine di prelevare il denaro dei tuoi profitti questi costi sono fissi e per fare in modo che non ti pesino molto ti basta prelevare più denaro possibile tutto insieme.

Ora certamente ti chiederai: ma se quelli sono soldi che ho guadagnato investendo perchè debbo pagarci una commissione aggiuntiva ?

Esistono alcuni brokers che non la applicano, eccone alcuni:

Il nostro consiglio: prima di effettuare una richiesta di prelievo, controlla bene tutte le tipologie di prelievo disponibili.

Ci sono brokers che applicano una commissione solo per alcuni metodi di prelevamento come ad esempio neteller, skrill o la stessa paypal. Per esperienza possiamo dirti che il bonifico bancario resta sempre la miglior soluzione e, tranne rarissime eccezioni, è completamente a costo zero !

Quanto costa investire in borsa: la tassazione

Come succede per ogni attività che comporta degli utili anche nel trading online bisognerà pagare le tasse sui profitti che si ottengono tasse da dichiarare e pagare allo stato italiano. L’aspetto molto positivo è che l’attività di trading online non è mai stata presa troppo di mira dalle varie legislazioni e di conseguenza non comporta dei costi eccessivi per quanto riguarda la tassazione.

Innanzitutto la cosa importante è che tu dovrai pagare le tasse soltanto se guadagni, se il tuo conto a fine anno è in pareggio o vi sono state delle perdite non devi pagare nemmeno 1€ di tasse e questo di per se è un grande vantaggio.

L’aliquota richiesta dallo stato ammonta al 26% in passato era addirittura più bassa ma purtroppo le cose ora sono cambiate e bisogna pagare un po’ di più ma se conosci la tassazione di altri settori sai anche che la cosa è ancora molto conveniente.

Per arrivare materialmente a pagare le tasse poi ci sono due metodologie in particolare:

  • Provvede il tuo broker personale: può essere direttamente il broker a detrarre dai tuoi profitti l’aliquota in maniera automatica e versare i contributi all’Agenzia delle Entrate, ma solo nel caso che sia ritenuto sostituto d’imposta;
  • Con la dichiarazione dei redditi: il calcolo di ciò che devi versare dovrai farlo tu stesso, ma la procedura è più semplice di quanto tu possa pensare. Devi fare un bilancio di tutte le operazioni effettuate durante l’anno, con il segno più indicherai i profitti con il segno meno le perdite, il tutto negli appositi campi della dichiarazione dei redditi. Non preoccuparti comunque anche perché i broker offrono tutta la documentazione necessaria che puoi consegnare al commercialista che a quel punto provvederà da se a fare la dichiarazione.

Consiglio ! Clicca quì per scaricare un utile manuale gratuito per imparare ad investire in borsa partendo dagli inizi.

Conclusioni

Come ti abbiamo dimostrato i costi del trading online sono sostenibili facilmente ed operare in borsa è finalmente diventato conveniente, quindi, cerca sempre di tenere il tuo bilancio di entrate ed uscite, cerca di capire quanto devi pagare di tasse o di spread, ma ricorda sempre che una volta fatto questo l’unica cosa che dovrai fare sarà pensare come spendere i ricavi provenienti dalle tue operazioni di trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *