Investire in borsa 50.000 euro

Come investire 50.000 euro? Quali sono i migliori mercati sui quali puntare? Quando hai messo insieme una somma di questo tipo, non ti sentirai sicuramente ricco o un gran capitalista, ma ti garantiamo che avrai a disposizione accesso ai mercati che altri possono soltanto sognare.

Potrai inoltre investire in borsa in modo intelligente e strutturato, con portafogli effettivamente diversificati, strategie per minimizzare i rischi e rendere invece più probabili i guadagni.

Dovrai però cercare innanzitutto di comprendere i mercati e soprattutto di evitare tutte quelle che sono le trappole di banche, promotori finanziari e istituti.

Oggi chi vuole ottenere davvero risultati investendo in borsa 50.000 euro o anche un’altra somma, deve necessariamente cominciare a pensare da solo: non c’è nessuno che può prendersi cura maggiormente dei nostri interessi di quanto faremmo noi stessi.

investire in borsa 50 mila euro IMG by ©Investireinborsa.org

Investire 50.000 euro in borsa

E questo è ancora più vero in un mondo in cui banche e assicurazioni vivono ormai da diversi anni in simbiosi, per vendere prodotti finanziari ad altissimo costo, dove il guadagno certo è soltanto a favore delle banche stesse.

La buona notizia è che oggi, soprattutto con i capitali di cui disponi, hai effettivamente accesso ai mercati grazie a broker neutri, che non ti consigliano questo o quel prodotto ma che piuttosto ti offrono una piattaforma per gli investimenti che poi gestirai per conto tuo.

Un esempio è 24option (vai qui per un conto demo pratica gratis), un broker che ti permette, qualunque sia la somma che vuoi investire, di operare direttamente su tutti i principali mercati mondiali.

Abbiamo preparato per te un’analisi in 10 punti, che analizzerà da un lato le migliori modalità per l’investimento e dall’altro invece ti segnalerà gli investimenti poco vantaggiosi, offrendoti però sempre un’alternativa.

Prima di continuare con il prosieguo dell’articolo, dai uno sguardo alla tabella sottostante: ti mostra quali sono le piattaforme consigliate dal nostro team per investire in borsa online (conto pratica gratuito per fare la prova e comprendere come ti trovi).

1. I fondi comuni di investimento sono una truffa, o quasi

Ti potrà sicuramente sembrare un’affermazione molto forte. I fondi comuni di investimento, diretti oppure nascosti dentro a prodotti come polizze unit linked, polizze vita e fondi pensionistici, sono al 99% prodotti da evitare.

Come funzionano i fondi comuni di investimento e perché non investire neanche una parte dei tuoi 50.000 euro? Si tratta di portafogli che sono amministrati da società di gestione, che comprano e vendono titoli allo scopo di massimizzare i profitti per i partecipanti al fondo.

Ci sono troppi problemi che sono collegati a questa modalità di investimento, problemi che dovremmo sempre tenere bene a mente prima di scegliere uno qualunque di questi prodotti:

  • Costi altissimi: i fondi comuni (e i prodotti simili) viaggiano tranquillamente al di sopra del 2% di commissioni annuo, che si vinca o che si perda, che ci siano guadagni o meno;
  • Trasparenza: ci sono delle regole per ogni fondo, anche se spesso acquisti di questo o quel titolo sono comunque collegati a relazioni personali o comunque tra il gruppo bancario e l’emittente del titolo stesso. Questo si trasforma in un conflitto di interessi che dovremo necessariamente considerare come dannoso per il nostro portafoglio;
  • Rendimenti inadeguati: i dati parlano chiaro. Sono pochissimi i fondi che riescono ad avere rendimenti superiori ai benchmark di riferimento. Questo vuol dire che stiamo pagando commissioni altissime senza avere effettivamente alcun tipo di vantaggio.

Quello che abbiamo appena affermato vale non solo per i fondi comuni, ma per tutti i prodotti simili, come PIR, polizze unit linked, fondi pensione.

Alternativa ai fondi comuni: il copy trading di eToro

Come alternativa ai fondi comuni, se proprio non vuoi gestire il tuo portafoglio direttamente, c’è il copy trading di eToro – che puoi usare anche con un conto demo gratis, un sistema che permette di copiare con un solo click i migliori trader della piattaforma.

Così non dovrai gestire direttamente il tuo portafoglio ma avrai una gestione comunque che può dimostrare risultati e che soprattutto non applica costi di commissione così elevati.

Quando il risparmio è gestito, stai pur tranquillo che non sarai tu ad essere il primo beneficiario.

2. Il conto deposito? In realtà stai perdendo denaro

Il secondo strumento che è diventato molto popolare negli ultimi anni, sia tra chi ha capitali vicini ai 50.000 euro, sia per chi invece ha magari meno da investire.

I conti deposito, al di sotto dei 100.000 euro, vengono considerati come completamente sicuri e questo è sicuramente vero, dato che sono coperti appunto dal Fondo Interbancario di Garanzia, il che vuol dire che anche in caso di sofferenza della banca sarà il fondo stesso a coprire.

Come sempre però ripetiamo sulle nostre pagine, il rapporto tra rischio e potenziale guadagno è sempre inverso. Quando un investimento è praticamente garantito, il potenziale guadagno è… praticamente zero. Anzi, se dovessimo tenere conto anche dell’inflazione, tutti i conti deposito che sono attualmente offerti in Italia sono a rendita negativa.

Sì, puoi investire in modo sicuro puntando però su guadagni maggiori

La buona notizia è che hai a disposizione in realtà alternative altrettanto sicure, che possono comunque offrirti rendimenti più elevati. Non ce n’è una singola: la cosa migliore è gestire il proprio capitale in modo differenziato, rivolgendoti ad un broker che è in grado di offrirti accesso ad un gran numero di mercati.

Tra quelli che trovi citati sulle pagine del nostro sito, il più interessante è sicuramente Trade.com che offre più di 2.200 titoli sui quali investire e dunque tutto quello di cui hai davvero bisogno per gestire un portafoglio differenziato.

3. Con 50.000 euro da investire devi pensare anche al lungo periodo

50.000 euro, non ci stancheremo mai di ripeterlo, è una somma tale da permettere un organizzazione interessante del capitale e soprattutto un approccio molto più articolato ai mercati.

Che intendiamo dire? Intendiamo dire che sebbene sia più che lecito orientare una parte della somma verso quelle che sono strategie di breve periodo, è anche giusto e corretto pensare al lungo periodo.

Ci sono diversi mercati che con un orizzonte temporale interessante possono offrirti rendimenti adeguati e soprattutto metterti al riparo dai rischi.

Ne parleremo nel prossimo punto dei nostri 10 consigli.

4. Il mercato azionario, sul lungo periodo, ti offre moltissimo

Il mercato azionario è sempre meno pubblicizzato da banche e promotori finanziari. Il motivo? Rende molto poco per loro e troppo al cliente. Con un orizzonte temporale adeguato di 7-10 anni, il mercato azionario è, dati alla mano, quello che offre i migliori rendimenti.

Questo vuol dire che se destinerai almeno una parte dei tuoi 50.000 euro al mercato azionario, sul medio e lungo periodo potrai ragionevolmente aspettarti dei buoni risultati, anche al riparo da rischi.

Quello che ti serve in questo caso è un broker CFD solido, che opera ormai da molti anni e che ti offra una grande scelta in termini di mercati azionari. Un esempio su tutti è per noi Markets.com (qui per richiedere subito un conto demo gratuito), che ti permette di investire su tutti i principali mercati azionari del mondo e che ti garantisce basse commissioni e piena libertà.

Pensaci 2 volte prima di investire in azioni tramite la banca

Quello che ti consigliamo a riguardo è che le banche dovrebbero rimanere l’ultima scelta quando scegli di investire sul mercato azionario. Siamo davanti ad un canale che infatti:

  1. Ha costi elevatissimi, perché le banche applicano commissioni fino a 100 volte più alte di quelle dei broker CFD;
  2. Offre piattaforme scadenti, che non permettono una buona analisi tecnica e una gestione intelligente del proprio portafoglio;
  3. Non offre accesso a tutti i migliori mercati, il che vuol dire che purtroppo dovrai perderti moltissime occasioni.

Oggi hai alternative molto più interessanti e che ti permettono di avere un accesso molto più corretto ai mercati, mettendoti subito in pari con i veri professionisti del trading.

5. Criptovalute: un mondo da valutare per una parte dei tuoi 50.000 euro da investire

Si è parlato tanto, forse troppo, di criptovalute. Bitcoin e compagnia hanno offerto dei rendimenti incredibili negli ultimi anni e questo ha attratto moltissimi investitori dell’ultimora, nonostante le banche continuino ad ignorare questo tipo di investimento.

Anche noi abbiamo avuto modo di consigliare questo tipo di investimento. Se hai però 50.000 euro da investire e vuoi cercare quanto meno di organizzare un investimento che ti copra dai rischi, dovrai investire in criptovalute soltanto una parte del tuo capitale e scegliendo ancora una volta quelli che sono broker che ti offrono accesso a più mercati.

Puoi pensare di destinare il 5%, il 10% o anche il 20% a Bitcoin, Ripple e Ethereum. Dovrai però farlo all’interno di un portafoglio strutturato, che potrai costruire soltanto con quelli che sono i broker che offrono davvero accesso ai migliori mercati.

Oltre a quelli che abbiamo già citato, puoi prendere in considerazione anche 24option, che offre accesso a tutti i migliori mercati anche con un conto demo.

6. Le Poste non sono il luogo ideale per investire i tuoi 50.000 euro

L’Italia sconta purtroppo un’ignoranza enorme in tema finanziario, un’ignoranza che lentamente anche siti come il nostro stanno provando a scardinare. Che intendiamo dire? Intendiamo dire che ci si è sempre rivolti, molto più del necessario, ad istituti come Poste Italiane, che oltre a funzionare da spedizionieri offrono praticamente da sempre anche prodotti finanziari.

Sì, anche il classico libretto è un prodotto finanziario, che purtroppo oggi offre rendimenti sempre più bassi, vicinissimi allo zero, anche al lordo dell’inflazione.

Oggi Poste Italiane è un operatore e intermediario che si è evoluto molto, che offre oggi un corredo di prodotti che è identico a quello offerto dalle banche. Non abbiamo pregiudiziali per Poste Italiane, che sono tra le altre cose forse l’operatore finanziario più solido del nostro Paese.

Ci sono però delle questioni che dovremo necessariamente affrontare, soprattutto quando si vogliono andare a investire somme importanti come 50.000 euro:

  1. I prodotti super sicuri, come i libretti, rendono esattamente come gli altri prodotti garantiti, ovvero zero;
  2. I prodotti gestiti non hanno rendimenti più alti di quelli bancari e hanno costi comparabili. Quando scegli un fondo, pensione o meno, gestito da Poste Italiane, stai comprando prodotti molto cari, con commissioni altissime e con rendimenti altrettanto incerti.

Non ha dunque senso destinare anche soltanto una parte del tuo capitale ai prodotti postali, che sono sicuri alla fine tanto quanto quelli bancari e che purtroppo non hanno alcun tipo di vantaggio.

Anche in questo caso, chi fa da sé, fa per tre.

7. Anche il Forex può aiutarci ad investire i nostri 50.000 euro

50.000 euro cominciano ad essere tanti, o comunque una somma sufficiente per avere investimenti decisamente più articolati. Questo vuol dire che ci permettono anche di pensare a mercati come il Forex, che pure abbiamo descritto e recensito più volte sulle pagine di questo sito.

Il Forex è un mercato che può offrire ottimi rendimenti e che può soprattutto aiutarci a sviluppare competenze che poi possiamo andare sfruttare anche su altri mercati.

Il Forex è un mercato estremamente tecnico, dove a fare la differenza è anche al possibilità di potersi rivolgere ad un buon broker. Nel settore ce ne sono diversi, anche se sentiamo di consigliartene uno come 24option – qui per visionare in anteprima la sua piattaforma d’investimento, che ti permette di investire su tutte le principali coppie del Forex con commissioni zero, esecuzione istantanea degli ordini e tanto altro.

8. 50.000 euro – sicuro ti convenga investire nel mattone?

Investire nel mattone è un altro dei pallini di noi italiani, uno di quei pallini estremamente duri a morire e che poi in realtà non hanno mai offerto molte soddisfazioni.

Quello che ci porta a pensare che il mattone abbia sempre reso somme incredibili è il fatto che i prezzi nominali, almeno rispetto a 50 anni fa, sono ovviamente enormemente più alti e chi ha eredita si trova con una ricchezza, ancora una volta nominalmente, molto maggiore di quella spesa per acquistare.

In realtà al netto dell’inflazione gli investimenti nel mattone hanno avuto una rendita paragonabile a quella delle obbligazioni meno rischiose. Che vuol dire questo? Vuol dire che in realtà l’investimento nel mattone è molto meno redditizio di quello che potrebbe sembrare!

Un portafoglio finanziario autogestito, se diversificato, può offrire dei rendimenti molto più elevati e soprattutto proteggerci dai rischi che, anche nel settore immobiliare, esistono.

Pensa soltanto a chi ha acquistato prima della crisi del 2009!

9. Se vuoi farti guidare, il Copy Trading è una grande opportunità

Se non ti senti ancora in grado di prenderti cura delle tue finanze, il modo migliore per avvicinarti al mondo del trading online è quello di rivolgerti a servizi come il Copy Trading della piattaforma eToro, un sistema che ti permette di copiare davvero i migliori trader su quella piattaforma, scegliendoli anche per tipologia di investimento e per rischio che corrono sui mercati.

Questo si traduce in un enorme vantaggio anche rispetto ai fondi comuni o agli altri tipi di investimento gestito delle banche. Non paghi commissioni e hai gli stessi benefici.

10. Non fidarti di chi ti offre un guadagno garantito

Non solo i truffatori professionisti, ma oggi anche le banche e le assicurazioni ti offrono prodotti dal rendimento garantito o comunque dal capitale coperto, nel senso che non potrai mai perdere quello che hai investito.

In realtà le cose non stanno davvero così: le assicurazioni con un capitale garantito, sono comunque al lordo di spese di copertura e di gestione, il che vuol dire che potremo comunque perdere parte di quello che abbiamo investito.

Chi invece ti offre questo o quell’incredibile sistema per guadagnare comodamente da casa, ti sta truffando al 100%.

È vero che i mercati finanziari possono offrirti degli ottimi guadagni, ma è altrettanto vero che dovrai applicarti per ottenere risultati. Non è un mondo fatato e magico, ma un mondo di opportunità per chi vuole impegnarsi a capire, studiare e comprendere.

Conclusioni: il trading online è il modo migliore per amministrare i tuoi 50.000 euro

50.000 euro sono una somma importante, che comporta da parte tua una maggiore attenzione a capitale e finanze. Il modo migliore per gestire questo tipo di capitale è quello di affacciarsi sui mercati, possibilmente in autonomia, e cercare di organizzare il proprio portafoglio in modo congruo.

Sul nostro sito trovi tutto quello di cui hai bisogno sia per imparare il necessario sui mercati, sia per migliorare come investitore.

Con un po’ di studio non potrai che ottenere degli ottimi risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *