Investire in Borsa Giapponese

Anche tu vuoi investire sulla borsa giapponese? Non sai da dove cominciare e quali intermediari scegliere?

Sei nel posto giusto. Nella guida che abbiamo preparato per te oggi, ti offriremo un percorso concreto, per capire di cosa si tratta e soprattutto per indicarti quelli che sono i migliori intermediari per investire in una borsa tanto lontana geograficamente

Parleremo di dettagli e strategie, di analisi tecnica e ovviamente anche di prospettive.

Senza mai dimenticare però che un grande broker per investire sulla borsa giapponese è il passo fondamentale per chi vuole investire su questo tipo di borse in modo intelligente e come fanno i professionisti.

Quello che ti proponiamo oggi è un documento completo, di quelli che ti permetteranno di imparare le base – e anche di discutere delle informazioni apparentemente meno importanti – per formarti un’idea completa su quello che si dovrebbe (o non si dovrebbe) fare per investire al top sulla borsa giapponese.

Investire in borsa giapponese - IMG by ©Investireinborsa.org
Come investire nella borsa giapponese – i nostri consigli utili

C’è ancora del legittimo interesse sulla borsa giapponese? Oppure si tratta di una borsa che sta soffrendo un po’, specchio di un paese, il Giappone, che è ormai in stagnazione da tantissimi anni?

Sei arrivato sulla nostra guida e quindi sei di quelli che vogliono saperne di più.

Non possiamo che apprezzarti per questo, anche e soprattutto perché in realtà la borsa giapponese ha ancora moltissimo da dire.

Investire nella borsa giapponese? Sempre meglio partire con un grandissimo broker

Prima di passare a quelli che sono i dettagli più tecnici e specifici che riguardano la borsa giapponese, dobbiamo ricordarti ancora una volta che la scelta di un grande intermediario è un passaggio fondamentale.

A prescindere da quali saranno i tuoi indirizzi di investimento, a prescindere da quali titoli sceglierai, rivolgersi ad un grande broker per investire in borsa è sempre necessario.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Precisazione: Perché affermiamo ciò? Perché oggi scegliere i migliori intermediari vuol dire avere a disposizione tanti e diversi vantaggi, anche rispetto alla banca:

  • Titoli tutti o quasi a disposizione: la banca ti inonda di listini, che sono però spesso e volentieri pieni di pattume. Dai migliori broker segnalati nella nostra tabella invece troverai tutti i migliori mercati;
  • Risparmi sulle commissioni: perché appunto sono tutti broker a zero commissioni, che ti permettono di investire spendendo soltanto pochi centesimi di spread per ogni operazione;
  • Le migliori piattaforme: ovvero tutto quelli di cui hai bisogno per gestire il tuo portafoglio e per gestire i tuoi ordini;
  • Sempre con licenza: perché davvero a poco vale scegliere un grande broker sulla carta, che poi non è neanche in grado di offrire ai propri clienti la possibilità di investire con le tutele del caso.

L’altra buona notizia che abbiamo per te è che potrai testare questi broker anche con un conto di pratica gratis, un conto che ti permette di investire capitale virtuale e dunque di operare fino quando vorrai, senza correre rischi.

La tua indipendenza nelle scelte è un asset fondamentale, molto più di quelli sui quali investi.

Apri tutti i conti demo che vuoi e scegli da solo.

Borsa giapponese? Il grosso passa da Tokyo

Quando parliamo di investimenti sulla borsa giapponese c’è il proverbiale elefante nella stanza.

Perché nonostante si tratti di un mercato che è in realtà distribuito su diverse città e piazze d’affari, in realtà tutto quanto è rilevante passa dalla borsa di Tokyo, la borsa centrale del paese e quella dove sono quotate tutte le principali aziende.

Avere accesso a questa specifica borsa vuol dire avere accesso dunque a tutti i migliori titoli del paese del Sol Levante.

Una borsa che viene ovviamente offerta anche da broker specializzati in azioni come eToro, che offre un’intera sezione della sua piattaforma a questo tipo di investimenti.

Vale inoltre la pena di ricordare che non è questo l’unico modo che abbiamo per investire, come vedremo più avanti, sulla borsa di Tokyo o meglio, sulle borse giapponesi.

Perché abbiamo anche dei broker altrettanto validi che propongono indici e soprattutto dei pacchetti tematizzati sulle migliori aziende del Giappone.

Un esempio di ciò non può che essere IQ Option (qui per una demo gratis), broker che abbiamo sempre ritenuto uno dei migliori anche perché:

  • Offre 10.000 euro di capitali virtuali: con in quali puoi iniziare a fare trading sul suo conto demo. Si tratta di una somma molto importante, che può essere investita a scopo didattico o semplicemente per testare le tue strategia;
  • Apri un conto con 10 euro: una somma estremamente bassa e che la dice lunga sulla grandezza di questo broker in questi termini. Perché con IQ Option tutti possono fare trading, anche coloro i quali non hanno grossi capitali da investire;
  • Apri posizioni da 1 euro: un frazionamento estremo che però è, ancora una volta, ad esclusivo vantaggio di chi può o vuole investire poco.

Niente male per chi sogna di accedere alla borsa giapponese pur non essendo un grandissimo investitore.

Borsa giapponese: un po’ di storia

Il Tokyo Stock Exchange (quella borsa che sui giornali giapponesi troverai citata come Tokyo Shoken Torihikijo o Tosho) è la terza borsa del mondo per capitalizzazione, subito dopo le prime due borse americane.

Parliamo di una borsa che ospita quasi 2.300 aziende quotate. Opera quasi ininterrottamente dal 1878 ed è diventata concentrazione di tutte le altre borse ai tempi presenti in Giappone subito dopo la seconda grande guerra, ovvero nel 1949.

Rimane una borsa che è nei cuori sopratutto di chi vi ha investito negli anni ’80, il decennio che ha visto questa borsa dominare in lungo e in largo sia per quanto riguarda la capitalizzazione, sia per quanto riguarda i profitti offerti agli investitori.

Una borsa che comunque continua ad essere di enorme importanza, dato che appunto continua ad essere indicata anche da broker come Capital.com (che qui puoi testare subito in demo), ovvero quei broker che, per propria natura, sono ovviamente orientati verso le borse europee.

Una grandissima importanza che continua ad essere testimoniata dal fatto che sono tuttora presenti aziende che sono tra le primissime al mondo nel loro settore di appartenenza, come ad esempio ToyotaDocomoNippon TelSoftbankKeyence e anche Sony.

Siamo davanti ad una borsa di grandissima qualità, alla quale comunque non dovrai accedere necessariamente attraverso l’acquisto di singole azioni.

Ancora una volta ti ricordiamo che ci sono anche ottimi indici, come ad esempio il Nikkei 225 ai quali puoi accedere con broker di grande qualità come Trade.com (specializzato anche lui in azioni), broker che permette appunto a tutti di investire sui principali titoli e mercati.

Come ti sarai già accorto, continuiamo a consigliarti, per l’investimento nella borsa giapponese, di rivolgerti a broker CFD.

Il perché te lo spiegheremo tra pochissimo.

Come investire nella borsa giapponese?

Come abbiamo detto poco sopra, scegliere un grande broker per investire nella borsa giapponese è assolutamente necessario per anche soltanto pensare di poter generare profitti. Ma quali sono i migliori broker che possiamo effettivamente utilizzare per questo tipo di operazioni?

Secondo il nostro staff di esperti, la migliore opportunità che abbiamo a disposizione è quella di scegliere i broker CFD.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Ce ne sono diversi, ma i nostri esperti si sono preoccupati di selezionare per te soltanto i migliori.

Li abbiamo scelti con criteri scientifici, perché appunto non può essere oggetto di simpatie personali la scelta di un broker di qualità.

Possiamo inoltre garantirti che tutti i broker che abbiamo segnalato sono broker che sono più convenienti della banca.

I motivi te li spieghiamo subito.

Piattaforme: investire con la banca vuol dire avere almeno 10 anni di ritardo

Le piattaforme sono sempre importantissime per chi vuole investire al meglio, che si tratti di borsa giapponese o di qualunque altro tipo di titolo.

Le banche, soprattutto quelle italiane, sono però rimaste molto, molto indietro su questo specifico punto.

Offrono infatti piattaforme molto vecchie e che purtroppo non hanno alcun tipo di funzionalità moderna. E che non possono aiutarci neanche nell’analisi tecnica.

Broker come Capital.com ti offrono MetaTrader, la migliore piattaforma in circolazione, quella che è anche la più apprezzata da chi fa trading per professione.

Una grandissima differenza rispetto quanto, ad oggi, viene appunto offerto dalle banche.

E se non vorrai comunque scegliere una piattaforma così avanzata, da broker come IQ Option hai a disposizione una grande piattaforma web, una delle migliori per fare trading direttamente dal tuo browser.

Per investire nella borsa giapponese hai bisogno di broker con listini di grande spessore

Le banche oggi offrono migliaia di titoli, il grosso dei quali però sono relativi appunto a mercati scadenti o a titoli che fanno guadagnare solo loro.

I migliori broker CFD invece sono in grado di offrirti accesso a tutti i migliori listini, quelli dei titoli che possono davvero fare al caso tuo.

eToro offre centinaia di azioni su tutti i migliori mercati e permette davvero a tutti di investire anche direttamente sulle migliori azioni giapponesi e sulla borsa del Giappone in generale.

Le commissioni bancarie sono davvero fuori dal mondo

L’ultimo dei macro-problemi che affligge appunto l’investimento tramite deposito titoli bancario è quello dei costi.

Le banche costano letteralmente una fortuna, anche e soprattutto per investire su mercati che sono lontani dall’Italia.

Non è assolutamente raro trovare commissioni superiori a 49€ per singolo trade per investire su di una singola borsa.

Allo stesso tempo, scegliendo un broker come Trade.com (qui per una sua demo gratis) potrai fare trading a commissioni zero, andando a pagare soltanto pochi centesimi di spread tra acquisto e vendita.

Investire sulla borsa giapponese è rischioso?

Non esistono mercati privi di rischio, a prescindere da quello che ti racconta la tua banca.

È per questo motivo che siamo sempre costretti a sottolineare che il rischio c’è ovunque e che va mitigato con delle strategie apposite.

Per quanto concerne la borsa giapponese dobbiamo inoltre aggiungere che:

  • È un’economia avanzata e che dunque non è eccessivamente volatile, almeno rispetto a quelle dei paesi emergenti;
  • Ha molti titoli anche per il lungo periodo, quelli che in gergo chiamiamo i titoli da cassettista;
  • Il Giappone rimane pur sempre una grande economia: nonostante la stagnazione de facto che il paese sta affrontando da più di un decennio;

Ricordandoci sempre che con broker con listini molto completi puoi sempre diversificare e dunque ridurre il rischio al minimo indispensabile.

Quali broker devo utilizzare per investire al meglio sulla borsa giapponese?

Il nostro staff di esperti ha selezionato per te i migliori broker CFD per fare trading sulla borsa giapponese.

I broker che troverai tra pochissimo permettono davvero a tutti di investire al meglio, anche se si hanno capitali molto ridotti da impegnare.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

NOTA IMPORTANTE: tutti i broker presenti in questa lista sono broker che ti permettono di investire anche con un conto demo gratis.

Apri un conto anche con tutti questi broker: non ti costa nulla e potrai decidere in completa autonomia se questo sia o meno il broker che fa al caso tuo.

Conclusioni e opinioni finali: investire in Giappone può essere ancora una scelta molto valida

Chiudiamo ancora una volta andando controcorrente e soprattutto contro chi ha già cantato i riti funebri per la borsa giapponese.

Siamo in realtà davanti ad una grande borsa, come abbiamo già spiegato e dimostrato nel corso della nostra guida di oggi. Una grande borsa che permette davvero a tutti di trovare titoli che possano fare al caso loro.

L’unica cosa che ci sentiamo di consigliarti in chiusura è di scegliere sempre con la tua testa.

Pubblichiamo queste guide per darti gli elementi per decidere da solo. Non affidarti ai guru, ma pensa sempre e soltanto con la tua testa!

Soprattutto quando si parla dei tuoi soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *