Investire in borsa 5.000 euro

Come investire 5.000 euro? Quali sono i migliori sistemi che abbiamo per mettere a frutto il nostro capitale? Quali sono i canali che vengono utilizzati dai professionisti, che magari hanno a disposizione capitali più importanti?

Quella che ti appresti a leggere è una guida completa per te che vuoi investire 5.000 euro e magari appunto farlo scegliendo soltanto quei mercati, titoli e asset che possono proteggerti dai rischi e fruttare qualcosa in termini di rendimenti.

Il mondo degli investimenti, eviteremo di mentirti come fanno banche e promotori, non è semplice. Avrai bisogno di studiare a conoscere e soprattutto di schivare investimenti poco convenienti.

Dovrai evitare truffe e soprattutto investimenti che celano rischi decisamente più importanti.

Come fare per evitare truffe? Innanzitutto devi imparare a selezionare solo le migliori piattaforme di investimento ovvero quelle maggiormente adatte alle tue esigenze di trading in quanto, ricorda, i broker online possono essere tuoi “amici”, ma ce ne sono altrettanti che lucrano alle tue spalle senza nemmeno che tu te ne accorga.

Per questo, quindi, Investireinborsa.org mette a disposizione delle sue pagine solo ed esclusivamente consigli pertinenti alle caratteristiche di perfetta affidabilità, con elevati standard di sicurezza e fiducia dei consumatori.

Quali sono le migliori piattaforme per investire online in modo sicuro e consigliate da Investireinborsa.org? Le trovi di seguito elencate.

Ma come fare, se non hai esperienza? Niente paura, abbiamo infatti preparato per te una guida completa che ti permetterà di conoscere tutto quello di cui hai bisogno per fare trading in borsa nel modo giusto, comprendendo anche perché altri tipi di prodotti finanziari non sono affatto utili per il tuo percorso.

Guida come investire in borsa 5.000 euro - IMG by ©Investireinborsa.org

Investire in borsa 5.000 euro

Abbiamo preparato per te una guida in 10 punti, 10 consigli che puoi subito mettere in pratica per cominciare ad investire nel modo giusto, muovendo i primi passi per diventare un vero esperto degli investimenti, che si tratti di 5.000 euro o di somme più importanti.

Ricordati inoltre che potrai seguire i nostri consigli facilmente, andando ad aprire già da adesso un conto di pratica gratuito con eToro, un conto che ti permette di fare trading con capitale virtuale e non rischiare denaro fino a quando non ti sentirai pronto per farlo.

1. Il rischio c’è sempre, ma devi imparare a modularlo con la differenziazione

Non credere a chi ti dice che i mercati sono sempre sicuri o a chi ti propone guadagni garantiti e magari automatici. In realtà il rischio c’è in ogni tipo di investimento, anche in quelli che a ragione si ritengono maggiormente sicuri.

Bisogna cambiare infatti atteggiamento e partire dal presupposto che il rischio c’è, per poi mettere in pratica delle strategie che ci aiutino a migliorarlo. Che intendiamo dire? Intendiamo dire che solo essendo consci del pericolo potremo operare al meglio sui mercati.

La strategia più indicata è quella della differenziazione, ovvero di acquistare asset e titoli su diversi mercati e in diversi comparti. Per farlo, la migliore delle opzioni che hai a disposizione è quella di rivolgerti ad un broker che sia in grado di offrirti un gran numero di titoli e mercati.

Trade.com ti offre accesso a più di 2.200 titoli, tramite i quali potrai costruirti davvero un portafoglio che sia utile a metterti al riparo dai rischi.

2. Chi fa da sé fa per tre, o comunque ottiene migliori risultati

Noi lo ripetiamo da qualche anno e ora sono arrivati a darci ragione anche i giornali mainstream. Il risparmio gestito, ovvero i vari fondi comuni di investimento, i diversi prodotti assicurativi e i portafogli gestiti da terzi hanno rendimenti medi molto al di sotto dei benchmark.

Quando scegli un fondo comune di investimento parti con il pagare almeno il 2% di commissioni annue, per offrirti rendimenti al sotto di quelli medi di mercato. Inutile forse anche sottolineare che non si tratta affatto di un buon affare.

Certo, capiamo le obiezioni di chi sottolinea il fatto che chi non sa come investire non ha modo di operare sui mercati guadagnando di più.

Ci preme però sottolineare che oggi, anche con i tuoi 5.000 euro da investire, potrai andare a scegliere sistemi che ti permettono di copiare i migliori trader di una piattaforma, da scegliere sia per rendimento sia invece per profilo di rischio.

eToro offre una piattaforma completa di Copy Trading (Vai qui per la Video Presentazione), senza costi percentuali o fissi e dunque estremamente più conveniente rispetto a fondi e assicurazioni.

3. Non è mai troppo tardi per iniziare a fare trading

Il trading online oggi offre le migliori opportunità per quanto riguarda la gestione del capitale, nonché le possibilità di investimento. Certo, potresti sentirti spaesato, soprattutto all’inizio, o comunque potresti pensare che sia troppo tardi per iniziare.

Le cose in realtà sono molto diverse. C’è sempre tempo per imparare a fare trading, che tu abbia a disposizione capitali milionari oppure che tu abbia cominciato adesso e voglia investire i tuoi 5.000 euro. Oltre ai già citati conti demo, dei quali comunque avremo modo di parlare in modo più approfondito tra poco, ci sono anche i Manuali dei broker (visita questo indirizzo per avere quello di 24option) – che puoi utilizzare per cominciare a comprendere le prime basi del mondo dei mercati.

4. Le azioni sono un buon punto di partenza

Passiamo a consigli di carattere più tecnico e operativo. Il mercato azionario ad oggi continua ad essere uno di quelli più interessanti per chi vuole andare a investire piccole o grandi somme.

Il rendimento sul medio e lungo periodo delle azioni è il migliore, dati alla mano, anche se questo non deve assolutamente trarti in inganno: non vuol dire assolutamente che crescere sul mercato azionario sia facile.

Perché consigliamo le azioni un po’ a tutti i nostri lettori che vogliono investire 5.000 euro?

  1. Rendimenti: sul medio e lungo periodo non ci sono mercati che hanno fatto registrare rendimenti migliori e più consistenti di quelli che vengono fatti registrare dal mercato azionario;
  2. Diversificazione: diversificare in borsa è relativamente semplice, nel senso che ti basterà scegliere azioni su mercati diversi e di diversi comparti per avere un portafoglio ragionevolmente differenziato;
  3. Accesso: tutte le banche e il grosso dei broker di qualità di offrono la possibilità di investire in questo specifico mercato, il che vuol dire che non dovrai metterti alla ricerca di intermediari.

Senza poi tenere conto del fatto che è proprio sulle azioni che puntano i migliori broker che trovi recensiti all’interno del nostro sito. Potrai dunque già da adesso aprire un conto di pratica – qui per farlo gratis e in meno di 1 minuto con Markets.com, per andare poi a creare un portafoglio, partendo dalle più di 200 azioni che questo broker ti offre.

5. No, le obbligazioni oggi sono una pessima idea

Siamo abituati ad associare alle obbligazioni virtù taumaturgiche, in grado di curare qualunque capitale e qualunque portafoglio. In realtà il momento storico che stiamo vivendo, dati alla mano, sembrerebbe affermare il contrario.

Tutte le obbligazioni che sono presenti adesso sul mercato rientrano infatti in una di queste due categorie:

  • Obbligazioni molto sicure, come quelle che vengono emesse da Germania e da altri paesi con i conti a posto. I rendimenti sono il grosso delle volte NEGATIVI. Hai capito bene, presterai denaro per ricevere indietro meno denaro di quello che hai prestato;
  • Obbligazioni che hanno un minimo di rendimento, ovvero obbligazioni che fruttano più di 0. In quel caso però i rischi salgono parecchio e dovrebbero spingere chiunque con un minimo di buon senso ad investire i propri 5.000 euro altrove.

Non è un buon momento per investire in obbligazioni: la ricerca ormai estenuante di titoli molto sicuri da parte dei mercati ne hanno spinto i rendimenti a livelli negativi, motivo per il quale chi vuole davvero investire i propri 5.000 euro, farebbe bene a guardare altrove. In questa guida, come nelle altre che sono presenti all’interno del nostro sito, hai tutti gli strumenti per capire in autonomia quali sono più adatti alle tue strategie.

Ricordati che comunque broker che offrono CFD in azioni, materie prime e Forex, se di qualità, ti permettono anche di investire sulle obbligazioni. Te lo permette anche eToro – broker storico e affidabile per investire in borsa online – che tra i suoi asset a listino presenta appunto anche una selezione dei migliori bond.

6. Il Forex? Non è un mercato di squali e puoi investire anche parte dei tuoi 5.000 euro

Il Forex ha, soprattutto sulle riviste e sui siti non specializzati, una pessima fama, ovvero quello di essere mercato troppo tecnico, che non offrirebbe chance a chi non è un grande esperto. In realtà ci sono margini per investire su questo mercato anche con capitali ridotti e anche se vorrai destinargli soltanto una parte dei tuoi 5.000 euro.

Il fatto che si tratti di un mercato particolarmente tecnico non deve essere di ostacolo o di spavento per chi si avvicina per la prima volta ai mercati. Anzi, vuol dire che si può andare ad investire anche gradualmente, apprendendo volta per volta nuove tecniche e nuove strategie, che potrai subito mettere in pratica, ancora una volta, senza rischiare inizialmente neanche 1 euro.

Sì, perché anche con il Forex hai a disposizione ottimi conti di pratica – come quello di 24option, che ti permettono di crescere gradualmente e soprattutto di non cominciare ad investire capitale reale prima che sarai pronto per il mercato vero. Un grandissimo vantaggio, che ti consigliamo di sfruttare subito!

7. Qualche asset più rischioso si può inserire, anche in un portafoglio da 5.000 euro

Ripetiamo quello che abbiamo detto in apertura: 5.000 euro non sono assolutamente pochi per un investimento e possono permetterci, grazie ai migliori broker CFD, di avere anche un portafoglio molto articolato.

Questo ci permette anche di guardare ad asset mediamente più rischiosi, come possono essere le materie prime. Si tratta di una categoria di investimenti molto variegata, all’interno della quale troveremo non solo appunto il petrolio e l’oro, che sono forse le più conosciute, ma anche altri tipi di asset, come le materie prime alimentari, il gas naturale, i metalli meno preziosi e quelli industriali.

Si tratta di merce mediamente più volatile rispetto a quanto siamo abituati a vedere sui mercati più comuni, ma questo non vuol dire che anche in un ottica di basso rischio non possiamo inserire proprio qualche materia prima.

Anche in questo caso però il primo dei consigli che possiamo darti è quello di andare a scegliere un broker solido e che abbia una vasta scelta di asset in generale, e nello specifico di materie prime.

Trade.com (anche lui con un conto di pratica gratuito), è forse quello che offre il maggior numero di asset, anche su questo mercato.

Parti sempre con un conto demo, per poi passare agli investimenti reali soltanto quando ti sentirai pronto a farlo, senza pressioni e soprattutto sempre con la possibilità di tornare indietro.

8. Poste Italiane? Usale solo per spedire

Le poste si sono trasformate, negli ultimi 20 anni, nel più grande gestore di capitale d’Italia e tra i più grandi d’Europa. Capitale che, consentiteci di dirlo, dovrebbe essere meglio impiegato altrove.

Che intendiamo dire? Intendiamo dire che tutto il nucleo di investimenti postali non ha davvero nulla da offrire a chi vuole investire 5.000 euro o anche una somma diversa. Questo perché da un lato abbiamo prodotti a rendimento zero, come i libretti, dall’altro invece abbiamo prodotti che sono identici a quelli offerti dalle banche, come appunto fondi comuni e prodotti assicurativo-finanziari.

La guida che ti abbiamo offerto oggi verte esclusivamente sul trading online perché appunto chi fa da se riesce a portare a casa in genere risultati decisamente più interessanti e soprattutto senza pagare polizze e commissioni che superano spesso il 2% annuo.

Se hai bisogno di un risparmio gestito, ti ricordiamo che grazie ad eToro puoi copiare tutti i migliori trader, scegliendoli appunto per rischio e per rendimento passato. Non dovrai dunque fare nulla, proprio come un risparmio gestito, senza però pagare nulla in commissioni!

9. Il guadagno automatico non esiste

Ricordati che i 5.000 euro che hai a disposizione potranno fare gola anche a moltissimi malintenzionati, di quelli che mettono in piedi delle truffe articolate a tema trading, promettendoti guadagni alti e automatici.

È una cosa che davvero non ha senso, una promessa che non può essere mantenuta e che sempre si risolve nella perdita totale del capitale che abbiamo investito.

Quando vuoi investire all’interno di un mercato, fallo sempre con uno dei broker che ti consigliamo. Sono dotati di licenza per operare in Europa e soprattutto legali, senza false promesse e senza alcun tipo di controindicazione.

10. Studia, testa e poi studia di nuovo

Non smetteremo mai di sottolineare l’enorme importanza che ha lo studio nei mercati finanziari. Dovrai cercare di mantenerti sempre aggiornato, seguendo dei siti che ti offrono analisi di qualità o magari dei broker come Markets.com che ti offrono dei corsi completi.

Soltanto chi studia e si aggiorna può pensare di avere possibilità sul mercato finanziario. Dopo aver studiato poi potrai mettere in pratica le nozioni sporcandoti le mani direttamente sui mercati. Per farlo hai a disposizione oggi – e sarebbe stato un sogno per chi investiva anni fa – dei conti demo che replicano per filo e per segno quello che avviene con i conti reali.

Pratica, studio, poi ancora pratica. Sarà così che riuscirai a migliorare e a renderti più produttivo, mettendo il tuo capitale in condizioni di crescere al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *