Nifty 50

Anche oggi è tempo di indici particolari e lo facciamo riferendoci al Nifty 50, indice che è appunto quello che raccoglie le prime 50 azioni indiane per capitalizzazione.

Una borsa della quale, anche all’interno degli investimenti sui paesi emergenti non si parla purtroppo molto.

E che invece potrebbe essere una buona alternativa per il completamento dei nostri portafogli gestiti tramite il trading online.

Siamo davanti ad un indice che sicuramente è lontano dai fasti delle economie più sviluppate, ma che deve essere comunque considerato, anche in virtù del fatto che l’economia indiana continua a crescere a ritmo davvero sostenuto.

Sempre ricordandoci che ci sono diversi broker che ci permettono di investire anche su economie così esotiche, e anche quando non hanno a listino questo specifico indice, hanno comunque prodotti in grado di rappresentare la borsa indiana molto da vicino.

NIFTY 50 - IMG by ©Investireinborsa.org
La nostra guida completa all’indice di borsa indiana Nifty 50

L’India è davvero l’Eldorado degli investitori più attenti? Oppure il suo indice di riferimento non è assolutamente nulla di solido e di potenzialmente interessante?

Lo vedremo insieme nella nostra guida di oggi, una guida che come sempre ti parlerà non soltanto degli aspetti più tecnici del Nifty 50, ma anche del contorno, della storia e delle particolarità.

Sempre orientandoti poi verso broker di qualità che ti permettono di seguire da vicino, molto da vicino questa economia.

Come anche fa Trade.com (che qui ti invitiamo a provare in demo), altro broker eccellente che fa della sua apertura ai mercati emergenti un punto di forza.

Una premessa importante: per investire su Nifty 50 il primo passo da fare è investire con un broker molto solido

Molti dei nostri lettori continuano a domandarci quali siano le scelte migliori da compiere per cominciare a investire in borsa in maniera sicura; vediamo allora insieme quali sono alcune delle nostre possibilità:

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Quelli che ti abbiamo appena elencato sono tutti broker CFD che ti offrono una serie di innegabili vantaggi:

  • Licenza UE valida: son tutti broker dotati delle licenze previste dalla legge e che quindi agiscono sempre in maniera controllata e legale;
  • Listini sempre completi: potrai contare su un’offerta di titoli vasta e sempre attuale;
  • Testati dal nostro staff: li abbiamo provati tutti uno a uno, proprio per poterti garantire la loro totale affidabilità.

Ricordati anche che potrai fare trading con un conto demo gratis e testare ognuno dei broker presenti nella nostra selezione.

E sul perché li riteniamo davvero il top per quanto riguarda il trading sul Nifty 50 o comunque su altri titoli del genere, non possiamo che rimandarti al seguito di questa guida.

Nifty 50: cenni storici, particolarità e caratteristiche

Il Nifty 50 è l’indice principale della borsa nazionale indiana.

Perché lo riteniamo, anche noi, il principale? Perché molto semplicemente si tratta di un indice che rappresenta le prime 50 imprese indiane per capitalizzazione, offrendo dunque un benchmark importante dell’andamento di tutte le principali aziende quotate di questo paese.

Un portafoglio delle large cap indiane, pensato appunto per offrire anche a noi piccoli investitori la possibilità di investire sull’andamento del top della borsa indiana senza grosse compilazioni.

Nifty 50 è un indice soppesato sulla capitalizzazione, il che vuol dire che le azioni che pesano di più sono quelle, appunto, a maggiore capitalizzazione.

Se vuoi capire da subito come funziona un indice di questo tipo, il nostro consiglio non può che essere quello di testare in demo con un broker come IQ Option, un broker che consigliamo molto di frequente sulle nostre pagine proprio perché:

  • Ha 10.000 euro da offrire in capitale virtuale: il che ti permette di operare con un conto demo con liquidità a sufficienza per imparare;
  • Ha conti reali a partire da 10 euro: ancora una volta possiamo andare ad operare con un conto vero con delle somme particolarmente basse;
  • Ti fa aprire posizioni anche da 1 euro: il che si traduce nell’enorme vantaggio, per chi investe, di operare con capitali ridotti anche in regime di grande diversificazione.

Investire sul Nifty 50 oggi rimane comunque piuttosto difficile, perché sono molto pochi i broker ad offrire questo tipo di titolo.

Se quello che ti interessa è comunque puramente la possibilità di avere questo indice come sottostante, anche da Capital.com (qui se lo vuoi in demo subito) potrai investire su titoli che lo rappresentano.

Quanti titoli troverai nel Nifty 50?

Come abbiamo detto poco sopra – e come sottolinea anche il nome, Nifty 50 racchiude l’andamento di tutti i principali 50 titoli della borsa indiana.

Si tratta, dobbiamo ammetterlo, di un numero importante per una borsa dove i pezzi grossi cominciano comunque ad essere diversi.

Pezzi grossi che animano anche i portafogli specializzati sull’India o sui paesi emergenti che puoi trovare nei listini di eToro.

La lista dei titoli viene aggiornata?

Sì: Nifty50, essendo un indice che appunto **contiene le principali 50

Potrai sempre verificare, quindi, la composizione degli indici che ti interessano di più – compreso ovviamente Nifty 50 – e restare aggiornato sul tuo investimento.

Per vedere come, puoi farlo anche solo aprendo un conto demo con eToro.

Quali sono le azioni più importanti di Nifty 50?

Anche in un indice che comprende ben 50 azioni come Nifty, non possiamo che individuare quali sono le azioni con il maggior peso specifico.

  • Tata TCS: che non è quella delle auto ma uno dei maggiori conglomerati dell’IT a livello mondiale;
  • Reliance Industries: multinazionale che opera nel settore energetico, del petrolchimico, del tessile e anche delle risorse naturali, con una presenza molto importante anche a livello retail;
  • HDFC Bank: è la più grande banca per prestiti nel settore privato e per gestione di asset di tutta l’India;
  • Unilever Hindustan: la divisione indiana e per tutto il subcontinente indiano di Unilever, gruppo europeo di cui abbiamo già avuto modo di parlare nel corso delle nostre guide;
  • InfoSYS: altra grande multinazionale del settore informatico e che offre consulenze a grandissimi gruppi.

Questo parterre è sicuramente di grandissima qualità, date anche le dimensioni molto importanti dell’economia indiana.

Trovare questi titoli da soli è praticamente impossibile, motivo per il quale cogliere le occasioni fornite da investimenti combinati come quelli che sono offerti da Trade.com è una delle migliori opportunità per investirci.

Perché scegliere proprio un broker CFD per investire in Nifty 50?

Continuiamo a vedere insieme quali sono i vantaggi che ci offre un broker, specialmente a paragone con quanto invece sono in grado di mettere a nostra disposizione le banche comuni.

PIATTAFORME PER INVESTIRE

Questi broker sono dei veri pesi massimi del settore, perché offrono le migliori condizioni sul mercato e ti permetteranno davvero di avere successo in questo settore: vediamo insieme perché.

Sempre il top a livello di piattaforme

Per prima cosa, ricordiamo che i software che ci possono essere messi a disposizione dai broker sono sempre di ultima generazione, perfetti quindi per svolgere tutte le migliori operazioni previste dalla disciplina del trading.

Le piattaforme invece offerte dalle banche non sono mai altrettanto performanti e, di conseguenza, semplicemente non funzionano altrettanto bene e ci impediscono di svolgere molte operazioni più complesse.

Ecco perché ci sentiamo di consigliare sempre dei broker come Capital.com, che offre la famosa MetaTrader, proprio per poter sempre contare sulle ultime tecnologie e sui servizi più avanzati.

Costi e commissioni: con i broker CFD paghi quasi zero

Con i broker sarà possibile risparmiare davvero tantissimi soldi su commissioni e tasse, che nel caso di quelle imposte dalle banche sono davvero altissime.

Non ha davvero infatti più senso continuare a pagare così tanto – parliamo anche di diverse decine di euro per ogni singola transazione, nel caso dei prodotti esteri!

Un broker come eToro ti offre spread bassissimi, in modo da poter contare sempre sul massimo anche in termini di risparmio.

Puoi investire a partire da pochissimo

Un altro aspetto davvero di primaria importanza è il fatto che, con una banca, iniziare a investire significa dover avere da parte già una cifra importante, senza la quale nessuna banca classica ti permetterà di iniziare.

Con un broker, invece, la possibilità di investire viene davvero data a tutti: parliamo infatti di soli 10 € per cominciare a investire, cosa che ha davvero cambiato il mondo della finanza e lo ha reso molto più democratico.

Ecco perché un broker come IQ Option (qui per una demo) è così sensazionale: grazie alle sue offerte, è stato tra gli operatori protagonisti di quella che possiamo definire una vera rivoluzione che ha aperto le porte della borsa anche ai piccoli risparmiatori.

Conclusioni e opinioni finali su Nifty 50

Non vogliamo però convincerti: devi essere tu in prima persona a essere certo del fatto che tu voglia investire e, una volta fatto ciò, devi essere sempre libero di scegliere i canali più adeguati.

Noi ci limitiamo a presentarti delle informazioni utili, che sarai poi tu a usare come e quando meglio credi.

Scegliere di operare o meno sul Nifty 50 non è sicuramente una scelta da poco. Ti invitiamo a compierla senza farti spingere da nessuno verso l’investimento.

Perché il rischio è sempre quello di incappare in guru che con i mercati non c’entrano davvero nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *