Investire in immobili: conviene ancora oggi?

Conviene ancora investire in immobili oggi? Conviene allocare ancora una volta il nostro capitale come farebbero i nostri nonni, investendo nell’ossessione italiana del mattone?

La guida che ti appresti a leggere infatti verterà su argomenti che non sono strettamente finanziari, perché non è d’investimenti in borsa e mercati che parleremo specificatamente.

Parleremo della necessità (o della non necessità) di investire in immobili, un investimento che molti in Italia, soprattutto tra i non esperti, continuano a considerare come efficiente e ricco di soddisfazioni.

NOTA: nel corso della guida ti consiglieremo anche investimenti alternativi sui mercati finanziari, investimenti che in molti casi, come vedremo, possono essere più redditizi.

Se vuoi testarli in diretta e senza rischiare neanche un euro, puoi aprire qui un conto demo su eToro, gratis sempre e che ti permette di operare con capitale virtuale.

Nella guida di oggi parleremo proprio di questo, ovvero del perché e del perché non investire in immobili oggi, quali sono le possibili rendite di questo tipo di investimento e di quelli che possono i problemi che incontreremo investendo in questo tipo di settore.

Investire in immobili - IMG by ©Investireinborsa.org
Conviene ancora investire in immobili?

E che magari non incontreremmo andando ad investire con quelli che sono i broker davvero aperti a qualunque tipo di mercato, come ad esempio Investous (anche qui ti offrono una demo gratis per sempre), altro broker di grandissima qualità.

Che vuol dir investire in immobili?

Partiamo dalla base, ovvero dalla risposta alla domanda più fondamentale della nostra guida.

Pensi di essere sicuro di sapere cosa voglia dire investire in immobili? Un breve ripasso potrebbe esserti d’aiuto.

Chi investe in immobili tipicamente:

  • Compra immobili per rivenderli poi ad un prezzo maggiorato, sfruttando le variazioni di prezzo verso l’alto, in determinate città o determinati quartieri;
  • Compra immobili per affittarli, recependo ogni mese un affitto.

Non ci sono, almeno a nostra conoscenza, altre modalità per fare effettivamente denaro con gli immobili, fatte salve le questioni più complicate come la partecipazione a fondi immobiliari (attenzione a NON CONFONDERE con i fondi comuni di investimento) e ad altri tipi di strumenti di questo tipo.

Non è detto che poi entrambe le strade non si possano seguire contemporaneamente. Si possono infatti comprare immobili e affittarli, in attesa del momento giusto per vendere.

Messo così questo sembrerebbe il mercato perfetto per fare affari. Saremmo dopotutto davanti ad un mercato che, appunto, ci permette di aspettare il momento giusto per vendere, incassando comunque del denaro.

Come possono fare le azioni che puoi scambiare su Trade.com, a dire il vero, che pagano infatti dividendi mentre saranno nel tuo portafoglio e poi ti permetteranno anche di vendere al momento giusto.

Questa dunque non è una prerogativa del mondo immobiliare. Oltre alle azioni ci sono comunque anche le obbligazioni ad offrire questo tipo di percorso.

Non è questo, per intenderci, che deve incantarti per quanto riguarda il mondo degli investimenti immobiliari.

E puoi rendertene conto, ancora una volta, aprendo un account demo su IQ Option, altro broker che ti permette di investire in un gran numero di mercati, alcuni dei quali possono appunto anche garantirti una rendita periodica.

Prima di entrare nel vivo dell’argomento odierno, vorremmo mostrarti quali sono le migliori piattaforme per investire online che consigliamo. Le trovi qui !

La prova è gratis, e non occorre anticipare nulla. Non ci sono inoltre limiti all’uso e particolari vincoli.

Importante: tutte le piattaforme menzionate qui sono regolamentate pertanto possono offrire i loro servizi in euro.

Bene, ora torniamo a parlare di un dubbio che hanno in molti: Investire in immobili è davvero conveniente?

A nostro modo di vedere le cose ci sono diversi problemi che dovrai considerare prima di andare ad investire in un prodotto di questo tipo.

Investire in modo intelligente vuol dire anche e soprattutto questo, ovvero tenere conto dei pro e dei contro di un certo investimento.

Il primo problema degli investimenti immobiliari: servono tanti soldi per iniziare

Gli investimenti ci piacciono quando sono modulari. Soprattutto oggi che con poche centinaia di euro puoi investire su tutti i mercati del mondo con eToro.

Che intendiamo dire? Intendiamo dire che amiamo quando gli investimenti permettono a tutti, e non solo a chi ha decine di migliaia di euro da investire, di cominciare.

Il mercato immobiliare, notoriamente, non è uno di quei mercati.

Perché per acquistare anche una stamberga in un luogo remoto servono comunque quantità di denaro importanti.

Oggi per partire con un appartamento che possa generare una rendita significativa, nel senso di almeno 4-500 euro al mese, dovremo spendere cifre molto, molto alte. Spesso superiori ai 100.000 euro.

Con soli 10 euro invece puoi iniziare ad investire con IQ Option e con poco di più puoi cominciare a farlo anche con gli altri broker che abbiamo già segnalato nel corso della nostra guida di oggi.

Potresti pensare che avendo magari un gruzzolo importante in banca questo non sia un tuo problema, ma di questo parleremo più avanti nel corso della nostra guida, quando ti parleremo di diversificazione del tuo investimento.

Il broker eToro permette inoltre di copiare le operazioni di quelli più bravi. Guarda qui di che cosa si tratta.

Il secondo problema: quantificare i costi effettivi può essere molto difficile

Il secondo, enorme problema degli investimenti immobiliari è che calcolare i costi effettivi può essere difficile, se non impossibile.

Pensa soltanto alle spese notarili per l’acquisto, o ancora a quelli che sono i costi di agenzia. O ancora a quanto dovrai pagare in tasse quando affitterai il tuo immobile.

Farsi un prospetto completo e sicuro dei costi che dovrai affrontare (e dunque dei ritorni) è difficilissimo. E spesso non ci riescono neanche gli esperti.

Con Investous invece investi e sai chiaramente quanto spendi, così come saranno chiari da subito i costi di commissione. Non ci sono, perché pagherai soltanto un piccolissimo spread tra acquisto e vendita.

Il terzo problema degli investimenti immobiliari: se compri con il mutuo ci guadagna solo la banca

La matematica di base è uno strumento fondamentale per chiunque voglia investire anche soltanto 1 euro sui mercati, che si tratti di investimento immobiliare o di uno dei tanti investimenti finanziari che possono offrire quelli di IQ Option.

E spesso però sono molti a credere di aver fatto un grande investimento proprio perché non hanno calcolato a fondo i costi di un mutuo.

Anche in un periodo di tassi molto bassi, stiamo pagando diversi punti percentuali di interessi ogni anno.

Facilmente si finisce per restituire, anche con tassi appunto bassi, una somma che è quasi il doppio di quello che abbiamo chiesto in prestito.

E quindi il nostro investimento diventa enormemente più costoso e sarà ancora più difficile generare profitto su questo tipo di interesse.

Anche quando dovessi ottenere una rata del mutuo inferiore all’affitto che generai.. in realtà a guadagnarci sarà sempre e soltanto la banca. Perché è vero che magari in 30 anni potesti pagarti il mutuo completamente, ma è altrettanto vero che nel frattempo la casa avrà generato altri costi (di cui parleremo più avanti).

Ancora una volta riteniamo che gli investimenti, ad esempio in indici, possano essere molto più chiari a livello di costi e di possibili guadagni generati. E di questo puoi accorgertene anche da solo aprendo una demo gratis con un broker come eToro.

Il quarto problema: sei sicuro che la casa che ti ha lasciato il nonno sia stata un buon investimento?

Quello che intendiamo separare oggi è l’investimento dall’uso di una casa. Perché è una delle tante confusioni che continuano a rimanere nel discorso pubblico sugli investimenti immobiliari.

Sì, magari hai una casa lasciata dal nonno, pagata poche lire e che oggi potresti rivendere per 100.000 euro. In realtà però in questi 40 o 50 anni c’è stato qualcosa, anno per anno, chiamato inflazione.

E al netto dell’inflazione sono pochissimi gli immobili che hanno avuto una rendita effettiva di più del 2%.

Certo, potrai dire di averci vissuto e dunque di aver risparmiato l’affitto, ma non siamo comunque nel campo degli investimenti.

In quel caso infatti avresti comprato casa per abitarci, per un tuo bisogno effettivo e non come investimento. Cosa molto, molto diversa.

E anche aprendo una demo con Investous (puoi farlo da qui) potresti renderti conto che al mondo ci sono tanti, anzi tantissimi investimenti che possono rendere più di quel 2% che è il caso migliore dell’investimento immobiliare di lungo periodo.

I dati parlano molto chiaro: l’investimento immobiliare è una roulette

I dati che tutti possono consultare, d’altronde, parlano estremamente chiaro. Perché sono davvero pochi gli investimenti immobiliari che hanno avuto rendite importanti.

E anzi, in moltissimi, anche più strutturati di te e di chi ti scrive ci hanno rimesso l’osso del collo, metaforicamente parlando. Perché tutti o quasi, ad esempio, i fondi immobiliari, sono stati liquidati successivamente alla crisi del 2009.

Parla con chi ha acquistato prima della crisi immobili e parla con chi ha comprato azioni. Ascolterai due storie completamente diverse.

Perché chi ha acquistato immobili avrà ancora il 30-50% di perdite, mentre chi ha investito in azioni.. beh, puoi controllarlo da solo su eToro (qui per la demo che ti garantisce accesso anche ai dati di lungo periodo).

No, non consigliamo a nessuno oggi di investire in immobili

Ripetiamo, questo è un consiglio per chi non deve acquistare una casa per abitarci, ma soltanto a scopo di speculazione.

Oggi potrebbe non essere un buon momento per investire in questo tipo di mercato, proprio perché nulla garantisce che i prezzi torneranno a quelli che erano prima della crisi.

Anzi, nulla può garantirci che oggi possiamo anche soltanto pensare che domani i prezzi non saranno ancora più bassi.

Anche se hai questo tipo di denaro, la diversificazione rimane importante

Immagina di avere magari 200.000 o 300.000 euro sul conto in banca, soma più che sufficiente per cominciare a fare investimenti immobiliare.

Finiresti per comprare 1 o 2 case in città piccole o in paesi di periferia. E avrai così investito tutto il tuo capitale nel settore immobiliare.

E una nuova crisi come quella del 2009 spazzerebbe via il grosso dei tuoi risparmi investiti. E se il mercato dovesse essere praticamente fermo come lo è oggi? Ti sarebbe anche difficile rientrare di quei capitali.

Con broker come Trade.com che hanno più di 2.200 titoli a listino puoi invece investire su quelli che sono tutti i migliori mercati del mondo, diversificando in modo effettivo ed efficace il tuo portafoglio.

Senza più temere rischi di settore.

Conclusioni e opinioni finali: oggi c’è tanto di più su cui investire al meglio, secondo noi non deve investire nel mercato immobiliare

Possiamo dunque chiudere il nostro approfondimento sottolineando ancora le problematiche del mercato immobiliare:

  • Non è diversificato, perché a meno che tu non sia multimilionario avrai il tuo capitale tutto investito nel mattone
  • Costa troppo: e non solo per l’acquisto dell’immobile, ma anche per commissioni, tasse, etc;
  • Ha un rendimento basso: come dimostrano tutte le serie storiche a riguardo;
  • Può crollar da un momento all’altro: come ha già fatto nel 2009.

Per questo motivo continuiamo a segnalarti la presenza di altri mercati, molto più interessanti, per investire il tuo capitale. Mercati che sono appunto più liquidi, meno costosi e più facilmente misurabili.